News & Press

Tito Agnoli
E' scomparso il 23 febbraio Tito Agnoli, designer tra i più noti e protagonista della stagione d'oro del design italiano tra la fine degli anni Cinquanta e gli anni Settanta.

Nato a Lima, in Perù, nel 1931, era rientrato in Italia dopo la guerra  per studiare pittura a Milano con Sironi. Si iscrisse nel 1949 alla facoltà di Architettura, dove si laureò nel 1959 e fu assistente di Gio Ponti e di Carlo De Carli.

Attivo da subito nel capo del design progettò, tra gli altri, per Arflex (divano 9000), Cinova, Lema, Matteo Grassi (la poltroncina Korium), Molteni, Montina, Oluce (le lampade 255/387 e Drop), Pierantonio Bonacina (le sedute Lima, Punto e Virgola, Sorbet, la chaise longue di Midollino P.3S), Poltrona Frau (il divano I Rondò, i letti Autora 1 e 2, la poltroncina Forum), Schiffini, Ycami, Zanotta (la poltroncina 868 Cubica) .

Socio dell'ADI, era stato più volte segnalato al Compasso d'Oro e nel 1986 aveva vinto la medaglia d'oro al Neocon di Chicago. Alcuni suoi pezzi sono conservati nella collezione del MoMa di New York.