News

Design è: un progetto comune per il design
Nasce dalla collaborazione con Regione Lombardia, Comune di Milano e Federlegno Arredo la XXIII edizione del Compasso d'Oro ADI: la mostra dei prodotti tra i quali la giuria farà le sue scelte si apre il 2 aprile alle Officine Ansaldo, nel clima della gran festa del design che coincide con il Salone Internazionale del Mobile. Ma è solo il primo atto di un lavoro di promozione del design destinato a durare negli anni.

I protagonisti del design insieme con le istituzioni: è il segno che contraddistingue Design è, il programma di iniziative che Regione Lombardia, Comune di Milano, ADI e FederlegnoArredo lanciano insieme per promuovere il design in vista di Expo e per indicarlo come attività strategica per la competitività.




Al tavolo della conferenza stampa di presentazione del 18 marzo: da sinistra la presidente ADI Luisa Bocchietto, il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, l'assessore regionale Alberto Cavalli. l'assessore comunale Cristina Tajani, il presidente di FederlegnoArredo Roberto Snaidero. (Foto: Mimmo Capurso/ADI)


Del primo atto di questa collaborazione fanno parte il XXIII Compasso d’Oro 2014 e del progetto regionale Design Competition. Lo scopo è valorizzare attraverso il design i prodottie la cultura d’impresa. Regione Lombardia, Comune di Milano, FederlegnoArredo e ADI lo considerano il primo passo di un percorso di promozione del design le cui ricadute favoriranno l'attrattività del territorio e promuoveranno il profilo turistico e commerciale di Milano, città tra le più significative in questo campo a livello internazionale.

 
“Le iniziative che presentiamo oggi fanno parte di un programma integrato sul design che prevede eventi e iniziative di promozione per oltre un milione di euro sul biennio 2014/2015”, spiega il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni. “In questo modo la Regione Lombardia conferma il suo impegno nel sostenere il ruolo del design, con l’obiettivo di favorire la competitività del sistema economico, l’occupazione e l’attrattività del territorio.”

“Vogliamo valorizzare e promuovere la ricerca e il design italiano nell’area urbana di Milano, suo luogo d’origine, quale fenomeno sociale ed economico e fattore strategico per la riconoscibilità del gusto italiano nel mondo", dichiara il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia. "La nostra città è da sempre capitale della creatività e punto di riferimento del design, dello stile, dell’innovazione. Il luogo ideale dove investire per incrementare l’occupazione e lo sviluppo economico di questo settore".

La grande esposizione dei prodotti selezionati negli ultimi tre anni da ADI Design Index sarà ospitata negli spazi delle ex Officine Ansaldo, in una delle tradizionali zone del design milanese, messa a disposizione per l’occasione dal Comune di Milano. “La collaborazione con le istituzioni e gli enti locali che si occupano di design", spiega la presidente di ADI Luisa Bocchietto, "è il risultato di un lavoro di connessione trasversale che fa parte del nostro impegno a favore del settore. Il design ha questa capacità, che si affianca  all’elaborazione di prodotti e servizi: quella di essere strategico e inclusivo per la collettività”.

Ai giovani si rivolge la seconda importante del programma Design è. Il progetto regionale Design Competition è un’iniziativa rivolta a designer under 35 che prevede la collaborazione con le aziende lombarde come occasione di visibilità per i giovani e di innovazione per le imprese. Il progetto vedrà la fattiva partecipazione di ADI e FederlegnoArredo sia nelle fasi attuative – realizzazione dei prototipi e affiancamento dei giovani con designer professionisti – sia nelle iniziative di comunicazione, tra cui l’esposizione dei prototipi in occasione del Salone del Mobile 2015 e dei tanti eventi che animeranno la città di Milano nel corso del semestre di Expo.

“È la manifattura italiana il cuore della storia e della tradizione del design”, sottolinea Roberto Snaidero, presidente di FederlegnoArredo. "Una realtà imprenditoriale che ha mantenuto la propria produzione sul territorio nazionale e che in occasione dei Saloni di Milano mostra la sua eccellenza con oltre 2.000 aziende presenti. È per questo che tutti i maggiori designer internazionali vengono a lavorare in Italia: qui trovano un amore alle idee e una capacità di trasformazione dei progetti in prodotti eccezionali, unici al mondo.”