News

Progetti intorno al Mediterraneo

La Biennale dello Stretto chiede ai giovani di individuare parole per il cambiamento


Si terrà dal 30 settembre al 4 ottobre, a Messina e a Reggio Calabria, la prima Biennale dello Stretto. In programma incontri e interventi sui temi centrali per l'area mediterranea: progetto delle infrastrutture, architettura, paesaggio; informazione e comunicazione; rapporto artigianato-design; responsabilità sociale del progetto.

In preparazione al programma della Biennale gli organizzatori invitano i giovani progettisti under 35 "a immaginare degli instant project sul tema proposto, individuando una parola che sia chiave di sviluppo progettuale associando disegni, fotografie, modelli concettuali". Deadline per la consegna dei materiali: 29 agosto 2022. Per informazioni e specifiche tecniche occorre scrivere agli organizzatori.

La Biennale dello Stretto, promossa dalla società benefit 500x100, a cura di Alfonso Femia e Francesca Moraci, e con il patrocinio di ADI, nasce per dare una dimensione reale "all’invisibilità estesa verso ogni luogo celato o solo apparentemente rivelato di tutto il Mediterraneo. Punto di avvio è la mancanza di connessione tra lo Stretto geografico, la sua riconoscibilità culturale, la sua accessibilità infrastrutturale e la sua proiezione verso il mondo-Mediterraneo". La Biennale dello Stretto vuole studiare quali siano le possibili chiavi del cambiamento, provando anche a proporre indicazioni concrete su tre temi specifici: far sì che lo Stretto di Messina si riappropri del suo ruolo centrale nel Mediterraneo; che si apra al Mediterraneo considerato come un mondo unitario, attraverso una descrizione non frammentata in eventi distinti; fare dello Stretto di Messina una cassa di risonanza delle vibrazioni storiche e geografiche, progettuali e sociali e della loro attuabilità concreta.


Il progetto della Biennale dello Stretto


La Biennale dello Stretto
30 settembre – 4 ottobre 2022
Fondazione Horcynus Orca, Torre Faro, Messina 
Forte Batteria Siacci, Campo Calabro (Reggio Calabria)